Pro e contro della resina per i tuoi pavimenti


I pavimenti in resina sono fra le tendenze che si sono imposte negli ultimi anni nel settore dell’edilizia e della casa, grazie alle caratteristiche di questo materiale, che si dimostra versatile e utilizzabile per qualsiasi ambiente e per molti tipi di rivestimenti. E per capire bene di cosa si tratta, bisogna innanzitutto iniziare a darne una definizione. Scopri insieme a noi cosa vuol dire avere un pavimento in resina.


Ecco i tre aspetti che non devi trascurare se vuoi un impianto fotovoltaico davvero efficiente:

Che cos’è la resina e da cosa ha origine?

La resina è un composto organico, che si presenta in stato solido o semisolido. Può essere di origine naturale, come quella che viene prodotta dagli alberi o dalle piante e che un tempo veniva utilizzata per impermeabilizzare le imbarcazioni, oppure può essere sintetizzata artificialmente lavorando polimeri di varia origine.

Capaci di mantenere le qualità di quelle naturali e di solidificarsi al contatto con il caldo e con il freddo, oggi sono le resine sintetiche a essere ampiamente sfruttate per i rivestimenti, in particolare per i pavimenti. Le tipologie di resina sono molte e ognuna ha un punto di fusione diverso e proprietà differenti, il che implica che anche i processi di lavorazione possano variare molto, oltre a dipendere anche dall’uso che ne verrà fatto.

Ciò che in generale caratterizza i pavimenti in resina è il fatto che creino un unico effetto monolitico, con una superficie liscia e omogenea. L’aspetto è di un rivestimento lucido e brillante: inoltre il modo in cui si presenta il pavimento in resina può essere personalizzato aggiungendo al composto polveri e pigmenti, creando impressioni visive molto particolari, così come si può utilizzare un unico colore forte per dare personalità all’ambiente.

Per la posa del pavimento in resina, l’azienda specializzata si occupa dell’intero ciclo, a partire dalla preparazione del pavimento esistente o della superficie su cui il rivestimento in resina va realizzato. Sopra a tali superfici viene modellata la miscela insieme al primer che permette una migliore adesione, nonché la finitura finale con le apposite protezioni dopo l’indurimento.

Come per tutti i materiali, anche per la resina è bene valutare vantaggi e svantaggi per capire se questa soluzione sia quella giusta per la propria casa.

PRO

  • la resina dona un effetto piacevole e uniforme
  • Adatta per ristrutturazioni oppure per realizzazioni ex novo
  • Materiale duraturo
  • Impermeabile all’acqua

CONTRO

  • Soggetta con tempo all’ingiallimento a causa dell’esposizione ai raggi UV: il sole può infatti contribuire a far perdere la lucentezza e il colore originale, per cui è consigliato utilizzare in aggiunta una finitura in poliuretano
  • È possibile che la resina si graffi o si danneggi se non viene completata da una protezione
  • Non indicata per chi ama cambiare molto spesso

In definitiva, un pavimento o un rivestimento in resina nella tua casa potrebbe essere una risorsa importante per una ristrutturazione e per dare un nuovo design ai tuoi interni. Ricordati di non lasciare nulla al caso: questo tipo di lavori richiedono professionisti competenti ed esperti per una posa perfetta.


Se ti interessa valutare i costi di un pavimento in resina, puoi affidarti ad aziende specializzate tramite il nostro portale: richiedendo un preventivo gratuito, entro 72 ore potrai ricevere tre proposte diverse e scegliere quella adatta a te e alla tua casa.

Filed under: Pavimenti e serramenti