Piano cucina: quale materiale scegliere?


Stai comprando la cucina per la casa nuova oppure hai finalmente deciso di sostituire la tua vecchia cucina? Ricordati che c’è un elemento che non devi trascurare o sottovalutare, perché è estremamente importante: si tratta del piano della cucina! Scopriamo insieme quali materiali puoi scegliere per il tuo piano e scegli quello migliore per le tue esigenze.


Il top, l’elemento di appoggio attorno al quale ruotano mobili ed elettrodomestici, è un punto strategico per la cucina. Per scegliere quello giusto valuta sia le componenti estetiche e di design ma anche quelle più pratiche e legate all’uso che viene fatto della cucina e del piano cucina stesso.

Non solo piacevole esteticamente ma anche funzionale e resistente: per capire meglio quale materiale piano cucina faccia per te, devi valutare le varie possibilità che oggigiorno sono disponibili. Ecco perciò qui di seguito i materiali per il piano cucina che potresti prendere in considerazione: ognuno ha caratteristiche e vantaggi, ma anche qualche possibile svantaggio che non devi trascurare!

1. Piano in cemento

È sempre più utilizzato, perché oggi può essere personalizzato nei colori. Inoltre, se il lavoro viene svolto a regola d’arte, assicura durevolezza e resistenza alla superficie, che non viene intaccata dalle temperature roventi di stoviglie e pentole. È però un materiale pesante, che la struttura della cucina potrebbe non reggere; inoltre è poroso, assorbe liquidi e si rovina al contatto con alimenti acidi come limone, aceto e succhi di frutta.

2. Piano in quarzo

Resistente e impermeabile, il quarzo è un’ottima combinazione tra praticità ed estetica.
Piacevole, di stile, disponibile in molte colorazioni e sfumature, può essere opaco o lucido e può contribuire a dare luminosità all’ambiente. Il piano cucina in quarzo è facile da tenere pulito e non ha bisogno di grandi manutenzioni, ma è sensibile agli acidi e al calore, richiedendo l’uso dei sottopentola.

3. Piano in vetro

Luminoso, capace di donare leggerezza e brillantezza alle cucine, soprattutto a quelle di piccole dimensioni: il vetro per il piano cucina è un elemento molto elegante, con forte impatto sul fronte estetico e facile da pulire, pur sporcandosi facilmente. Il piano in vetro, inoltre non assorbe liquidi, ma può rompersi nei punti più esposti come i bordi e gli spigoli, per i quali spesso si opta per una bordatura in altri materiali.

4. Piano in acciaio

Dona un look moderno e quell’aspetto da cucina professionale che solo questo materiale sa dare: il piano cucina in acciaio è il top cucina per eccellenza, amato da tutti i professionisti e i veri appassionati. È un materiale igienico, resistente e affidabile e l’unico con il quale si possa realizzare un’unica superficie integrata tra lavello e piano cottura. Tuttavia si graffia e si macchia facilmente, per cui va pulito e curato con prodotti appositi.

5. Piano in marmo

Naturale e disponibile in molte sfumature e venature, il marmo è uno dei materiali più suggestivi alla vista, ma ha anche il pregio di essere resistente nel tempo. Tuttavia va impermeabilizzato e conservato al meglio: attenzione alle sostanze unte che potrebbe assorbire e all’azione degli acidi, come limone, coca cola o altro, che potrebbero intaccarlo, e a quelle come il vino rosso o il caffè che potrebbero macchiarlo.

6. Piano in corian

Estremamente versatile e duttile, il corian è un composto resistente al calore e alla luce e che può essere adattato a varie lavorazioni. Oltre a essere funzionale, è anche un materiale per piano cucina molto piacevole alla vista, che dà un impatto elegante e moderno al design dell’intero ambiente. Inoltre è facile da pulire e nel tempo si conserva compatto nell’aspetto. Il suo grande svantaggio è l’alto costo, legato alla sua unicità.


Come hai potuto vedere, le proposte per il piano cucina e i materiali per realizzarlo sono differenti e ognuno è unico! Se hai individuato un materiale in particolare, oppure ti interessa valutare varie possibilità, richiedici la consulenza da parte di professionisti di cucine.

Filed under: Cucina